Passa ai contenuti principali

Fermare i torrent: il governo australiano occhi copyright repressione

Il governo australiano sembra destinata a rivedere le leggi sul copyright del Paese, al fine di costringere i fornitori di servizi internet per iniziare il giro di vite sugli utenti che scaricano programmi TV e film su BitTorrent.
Procuratore generale George Brandis ha detto che il governo sta prendendo in considerazione un sistema di risposta graduale per affrontare la violazione del copyright on-line, nonostante raccontando ZDNet prima delle elezioni che il partito non ha avuto la politica di prendere per le elezioni.
In un discorso di ampio respiro al forum australiano Digital Alliance a Canberra questa mattina, Brandis, che è anche il ministro per le arti, ha risposto in parte al (ALRC) Relazione sulla riforma del Copyright Act per l'era digitale australiano legge di riforma della Commissione . Ha detto che la legge sarebbe stata semplificata, e la tecnologia specifica menzione alle tecnologie obsolete come videocassette rimossi.
Egli ha anche accennato al fatto che la legge sarebbe stata modificata per ospitare gli accordi commerciali internazionali, come la Trans-Pacific Partnership attualmente in fase di negoziazione.
"Ciò è particolarmente importante in quanto il governo Abbott continua ad annoverare tra i suoi successi firma, la negoziazione di accordi di libero scambio con i nostri principali partner commerciali, che, come tutti sapete, contiene importanti disposizioni in materia di diritto d'autore e di altre questioni di proprietà intellettuale," ha ha detto.
Ma il procuratore generale ha detto che resta impegnata a tutelare i diritti dei proprietari di contenuti, e ha detto che il governo sta cercando di reprimere la violazione del copyright on-line.Ha detto che gli utenti il ​​download di programmi TV, film o musica su BitTorrent ammonta al furto.
"Il download illegale di film australiani online è una forma di furto. Dico film australiani, ma naturalmente, lo scaricamento illegale di contenuti protetti è una forma di furto," ha detto.
"Alcune parti interessate hanno chiesto l'introduzione di leggi volte esattamente al flagello della pirateria online. Mentre io sono in sintonia con le loro opinioni e sono interessato a esaminare nuove misure che ridurranno i tassi di pirateria online in Australia, non mi dimentico delle sfide politiche di sviluppare il regime più efficace per farlo. "
Egli ha detto che la riforma della sezione 101 del Copyright Act potrebbe potenzialmente essere riformato per imporre agli ISP di reprimere la violazione del copyright.
"Il governo prenderà in esame i possibili meccanismi per fornire un 'incentivo legale' per un provider di servizi Internet di collaborare con i proprietari di copyright nel prevenire la violazione sui loro sistemi e reti", ha detto.
"Questo può comprendere guardando attentamente i meriti di un regime in base al quale gli ISP sono tenuti a emettere avvisi laureati per i consumatori che utilizzano siti web per facilitare la pirateria."
I proprietari dei contenuti sono state agitando per il governo a reprimere la pirateria on-line daliiNet ha sconfitto la Federazione australiana contro il Copyright Theft (AFACT) presso l'Alta Corte nel 2012. La corte ha stabilito che iiNet non ha alcun potere diretto a impedire ai suoi utenti di utilizzare BitTorrent per violazione sul diritto d'autore e gli avvisi che AFACT aveva fornito a iiNet non erano in una forma in cui sarebbe stato ragionevole per iiNet per avvisare i propri clienti.
Essi hanno a lungo chiamato per i regimi di risposta graduale, e anche chiesto il ALRC di considerare la violazione del copyright on-line come parte della revisione della legge, nonostante i termini di riferimento per la revisione esplicitamente escluderlo.
Brandis ha detto che una tale proposta è "complesso" e come si sarebbe pagato è attualmente irrisolto.
"Va inoltre notato che l'Australia ha obblighi internazionali su questo punto, e che il governo non punterà a ISP onere di là di quanto ragionevolmente necessario per conformarsi [con] gli obblighi nazionali e internazionali competenti," ha detto.
"Inoltre, vorrei sottolineare che questo non avrebbe messo gli ISP australiani in condizioni di svantaggio rispetto ai loro omologhi a livello internazionale, come molte giurisdizioni estere hanno il concetto di responsabilità dell'autorizzazione, responsabilità sussidiaria, o simili, che sono destinati a catturare ISP. "
Secondo Nic Suzor, docente di diritto presso la Queensland University of Technology, il costo di attuazione di tale sistema sarà enorme.
"Questo è il prossimo passo nelle strategie di Hollywood per spingere i costi di esecuzione fuori agli ISP. Il problema enorme è che se un sistema di allarme basato avviso, sta per avere un effetto dissuasivo, probabilmente ha bisogno di sanzioni da infliggere in massiccio numeri ", ha detto a ZDNet.
"Il costo di questa operazione legittimamente è enorme - e davvero, gli unici organismi adatti a imporre sanzioni sono tribunali Al fine di mantenere bassi i costi, dovremo necessariamente avere problemi con il dovuto processo Questi tipi di funzioni in realtà non dovrebbero essere affidate a.. soggetti privati ​​".
Un recente studio sui sistemi di risposta graduale implementate nel Regno Unito, Francia e Nuova Zelanda, tra gli altri, ha dimostrato che i laureati schemi di risposta non scoraggiare gli utenti dal violare il copyright.
Mentre Brandis ha detto che preferirebbe l'industria ad attuare un regime di copyright di autoregolamentazione, i tentativi di ottenere un sistema installato e funzionante dal precedente governo venne annullata dopo iiNet uscì degli incontri d'autore detenuti dal Dipartimento del Procuratore Generale con proprietari di contenuti, ISP, e gruppi di consumatori.
"Gli operatori del settore sono nella posizione migliore per sviluppare una cooperativa approccio flessibile, di autoregolamentazione su misura per le esigenze specifiche del settore. Cooperazione Industry è un elemento chiave nella lotta contro la pirateria online, e io continuerà ad incoraggiare i partecipanti del settore a lavorare insieme per superare l'eccezionale problemi in contesa ", ha detto Brandis.
"Credo in protezioni forti e meccanismi di applicazione a sostegno delle industrie creative in Australia, ma, come ho detto, io sono anche appassionato, come uno dei risultati conseguiti nel primo periodo del governo Abbott, modernizzare, la riforma, e contemporaneizzare l' Copyright Act ".
Brandis ha detto un'altra opzione che il governo sta valutando sta dando il Tribunale federale il potere di dare ingiunzioni agli ISP, richiedendo loro di bloccare i siti web che ospitano contenuti violazione.
Suzor ha detto che un tale regime è stato anche sperimentato in Europa e aveva fallito.
"Non ci sono prove che il sito di blocco lavora per limitare violazione del copyright E 'stato provato in Europa -. ISP ordinato di bloccare l'accesso a The Pirate Bay, ma semplicemente non funziona, per la stessa ragione che le proposte di filtraggio obbligatori non avrebbe funzionato : Queste tecnologie sono molto facili da aggirare, "ha detto.
Brandis ha anche detto che egli rimane a essere convinto che la raccomandazione principale per la relazione - che un regime di fair use flessibile attuato - è la strada giusta da seguire per il copyright in Australia.
"Rimango a essere convinto che questa è la migliore direzione per la legge australiana, ma comunque, io porterò una mente aperta e curiosa al dibattito. Sono convinto che possiamo fare molto per migliorare il funzionamento di copyright in questo paese."
Un regime di fair use impedirebbe cloud storage, o memorizzazione nella cache locale, o addirittura la copia di DVD su dispositivi digitali di essere considerato una violazione del copyright.L'industria dei contenuti ha opposto un regime di fair use sulla base del fatto che vi era stata "nessuna prova convincente" che la mancanza di un sistema equo uso in Australia sta limitando l'attività commerciale in Australia.

Post popolari in questo blog

Ecco tutte le icone,il significato dei simboli del vostro samsung galaxy SII

Scopri l’offerta del giorno su AMAZON Qui di seguito potete vedere le icone che potete trovare nel vostro dispositivo Samsung Galaxy

Aggiornamento icona segnalata da rosario se qualcuno la riconosce può inserire nei commenti di cosa si tratta :-)
Una i minuscola  cerchiata in alto a sinistra!


Per il modello S4 sono state introdotte nuove icone che puoi trovare in questo elenco
Tutte le icone dell' S4
Scopri l’offerta del giorno su AMAZON
Tutte le icone dell' S3

Se sei un appassionato d'informatica vedi tutte le novità del nuovo sistema operativo Microsoft WINDOWS 8 e Windows 8.1 su blog http://windows8.myblog.it

Come calcolare quanto manca alla pensione, strumento on-line

Requisiti minimi che deve avere Smartphone per fare girare bene Windows Phone 8

Ecco di seguito i requisiti minimi Hardware che deve avere un telefonino per fare girare bene Windows Phone 8, ovviamente se l'Hardware è superiore, il Sistema Operativo girerà sicuramente più fluido e veloce.
Qualcomm Snapdragon S4 dual-coreAlmeno 512 MB di RAM per i telefoni WVGA, 1 GB di RAM minima per 720p / WXGAMinimo di 4 GB di memoria flashGPS e A-GNSS; GLONASS è supportato se gli OEM decidere di includerloIl supporto per micro-USB 2.03.5mm stereo jack per cuffie con tre pulsanti di supporto di rilevamentoVideocamera rivolta AF con LED o Xenon flash opzionale fotocamera frontale (entrambi devono essere VGA o superiore) e il pulsante dedicato alla fotocameraSensori di luce accelerometro, prossimità e ambientale, così come le vibrazioni del motore (magnetometro e giroscopio sono opzionali)802.11b / g e Bluetooth (802.11n opzionale)Grafiche DirectX supporto hardware con accelerazione hardware per Direct3D con GPU programmabileMulti-touch touch screen capacitivo con un minimo di…